Pangea
fb tw ig yt
iscriviti

Progetti

Da sinistra: Abdullah Abdullah, Ashraf Ghani Ahmadzai, Abdul Rassul Sayyaf e Zalmai Rassoul

I principali candidati alla carica di Presidente dell'Afghanistan

Afghanistan > Speciale elezioni 2014

Abdullah Abdullah
Classe 1960, sembra essere oggi la figura politica afghana più quotata per vincere le prossime elezioni presidenziali. Nato a Kabul, suo padre è stato senatore nel periodo del re Zhair Shah, prima dell’invasione sovietica. Laureato in medicina ha lavorato negli anni ’80 per un periodo nell’Ospedale Oftalmologico di Peshawar in Pakistan e ha fatto parte della resistenza contro i sovietici. Si è distinto negli anni ‘90 per essere stato un fedelissimo al fianco del famoso “Leone del Panjshir” Ahmad Shah Massoud nella resistenza antitalebana. Ministro degli Esteri durante il primo governo di Karzai, diventò in seguito il suo principale avversario nelle elezioni del 2009 che perse gridando al broglio elettorale. Abdullah Abdullah ha la sua roccaforte politica nelle nord del paese, dove maggiormente vivono le popolazioni di etnia tagika.

Ashraf Ghani Ahmadzai
Classe 1949, è cresciuto in una influente famiglia afghana della provincia di Logar, nel sud dell’Afganistan. Lascia il paese, insieme alla sua famiglia, nel periodo della guerra civile e durante il suo esilio all’estero studia antropologia e scienze politiche. In seguito diventa professore in prestigiose università e lavora presso la Banca Mondiale. Ritornato in Afghanistan dopo la caduta dei talebani, è stato ministro delle finanze. Presentatosi anche nelle precedenti elezioni presidenziali del 2009, dove ha preso però solo il 3% dei voti, nell’attuale corsa presidenziale si è alleato con Abdul Rashid Dostum, noto signore della guerra di etnia Uzbeka, con il chiaro obiettivo di raccogliere voti nell’area territoriale del nord del paese.

Abdul Rassul Sayyaf
Classe 1946, mujaheddin nella guerra contro i sovietici, poi noto come tra i più feroci signori della guerra negli anni ‘90, malgrado sia estremista islamico non si è alleò ai talebani durante il loro regime ma passò alla resistenza con Massoud. Sayyaf si dice avesse organizzato l'intervista in cui fu assassinato Massud nel 2001 1. Di professata fede musulmana radicale, non ha alcuna intenzione di riconoscere alcun tipo di diritto alle donne 2.

Zalmai Rassoul
Classe 1942. Ex ministro degli esteri integro da accuse di corruzione, lontano parente dell’ultimo re deposto. Ex Fedelissimo di Hamid Karzai, sembra essere il suo candidato favorito anche se il Presidente attuale non può esprimersi; a tal punto che il ritiro di Qayum Karzay il 6 marzo, (fratello di Hamid), sembra sia stato fortemente voluto dal presidente in maniera da lasciare Rassoul come suo unico candidato naturale garantendogli i voti di una gran fetta dell’etnia pashtu.

_____

1) John Lee Anderson, The Lion's Grave (November 26, 2002 ed.), Atlantic Books
2) Internazionale del 4 febbraio 2014