Pangea
fb tw ig yt
iscriviti

Progetti

M.: "Cosa mi aspetto dalle elezioni presidenziali del 5 aprile"

Afghanistan > Speciale elezioni 2014

M. è una donna afghana di 50 anni, sposata e madre di 5 figli; 3 maschi e 2 femmine. Vissuta per 30 anni a Kabul, ha assistito nell’arco della sua vita sia alla violentissima guerra civile messa in atto dai mujaheedin sia al terribile oscurantismo del regime Talebano.

M. in passato non aveva mai avuto la possibilità di imparare a leggere e scrivere e attualmente vive con l’intera famiglia in una piccola casa di due stanze, di proprietà di un parente a cui devono pagare ogni mese l’affitto. Un giorno, parlando con la sua vicina, è venuta a conoscenza del Progetto Jamila di Pangea e in quel momento ha pensato che valeva la pena tentare di cambiare la sua vita.

Grazie al microcredito di Pangea M. è riuscita ad avviare una piccola attività di sartoria insieme a suo figlio maggiore. All’inizio non è stato facile, ma la situazione sia economica sia di qualità della vita è andata lentamente migliorando.

Oggi suo marito si dedica all’attività insieme al figlio e, grazie a questo, anche il rapporto matrimoniale è molto migliorato. M. e il marito gestiscono insieme sia le spese di casa sia i risparmi che riescono a mettere da parte grazie alla loro piccola impresa, non litigano più come un tempo, e lui ora finalmente è un uomo realizzato perché ha un’attività lavorativa che lo tiene occupato tutto il giorno. M. ha più tempo da dedicare a se stessa, potendo tenere così sotto controllo i propri problemi di salute e allo stesso tempo essendo libera di andare più frequentemente al mercato e comprare cibo di migliore qualità per tutta la sua famiglia (compresa la costosa carne di pecora!).

Grazie al Progetto Jamila M. ha poi potuto seguire un corso di alfabetizzazione che le ha permesso, finalmente, di imparare sia a leggere sia a scrivere. Oggi M. è una donna felice e non ha più paura di affrontare il futuro.