Pangea

Ci vorrebbe una moglie (per le donne in Italia)

Consigli di lettura > Libri

Chiara Lupi “Ci vorrebbe una moglie”, Este (pp 214, prezzo di copertina € 20,00)

.

Forse è vero che “dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna”.
In questo libro, l’autrice Chiara Lupi analizza il lavoro femminile da un punto di vista diverso.
Perché se è vero che oggi più che mai una società come la nostra ha sempre più bisogno che “l’esercito silenzioso” delle donne si realizzi professionalmente per sollevare e dare nuova freschezza all’economia, è altrettanto vero che l’ “assenza” delle donne nel mercato del lavoro dipende dal fatto che spesso… sono impegnate a fare altro. Cioè a sopperire alle mancanze del welfare sociale in molti campi, dalla cura dei figli, alla cura degli anziani, e a “permettere” al marito di concentrarsi sulla propria occupazione.
Certo, oggi donne e uomini collaborano molto di più nella gestione familiare, ma forse ancora non abbastanza, anche per mancanza di “strutture” sociali e lavorative adeguate.
E mentre in Italia, infatti si discute del fatto che lo Stato, ma anche le aziende e il settore privato, debbano incrementare (e in alcuni casi realizzare ex novo) la conciliazione casa-lavoro per le donne (ma vogliamo dire per le famiglie) e incentivare sistemi ci conciliazione che coinvolgano maggiormente gli uomini (il congedo parentale, per esempio), alle donne del Paese ci vorrebbe… una moglie! Una moglie che si occupi del “retroterra” familiare, e di tutte le incombenze che comporta.
Ogni famiglia impone delle “rinunce” dal punto di vista professionale, specie se a lavorare sono entrambi i genitori; fino al secolo scorso, ricorda l’autrice, a fare un passo indietro sono state le donne, ma oggi non è più (non sempre) così.
Uno spunto ironico ma non troppo per questo titolo, che induce a una riflessione parallela sul concetto di “educazione” all’interno della famiglia, sulla collaborazione, sulla suddivisione dei compiti e dei ruoli, per far diventare i nuclei familiari il vero motore della parità e del rispetto.