Pangea

Foto/screenshot da: www.tizianavive.org

Tiziana Vive: una rete per donne e bambini per uscire dalla violenza

Comunicato stampa > Rete di associazioni

Tiziana Vive.
1 anno fa il femminicidio di Tiziana,
una giovane donna e mamma di 36 anni.
Oggi “Tiziana Vive” è una rete internazionale
che supporta le donne e i bambini per uscire dalla violenza.

Dalle notizie dei giornali risulta che ogni 3 giorni in Italia viene uccisa una donna. La prima causa di uccisione nel Mondo delle donne tra i 16 e i 44 anni è l’omicidio per violenza subita da parte di persone con cui hanno relazioni affettive e di intimità.
Noi rispondiamo con 6 organizzazioni che operano in Italia,
psicologi, psicoterapeuti, legali, 2 case di protezione mamma bambino vittime di violenza
e 1 sportello antiviolenza online

Milano, 7 luglio 2014 - Il 9 luglio 2013 Tiziana Rizzi, una giovane mamma di 36 anni, veniva atrocemente uccisa nella propria casa dal marito che risparmiava la vita al loro figlio di 2 anni e mezzo.
Oggi, a distanza di 1 anno, da questa tragedia è nata una associazione, “Tiziana Vive” e una rete di associazioni e persone che lavorano nel privato sociale vicine a Tiziana e/o consapevoli che queste tragedie non si devono più ripetere e che non si può solo restare a guardare aspettando risposte da uno Stato assente.

“Tiziana vive” è in rete con le organizzazioni Soleterre, Pangea, Amici dei Bambini, Altreconomia e l’Isola che non c’è. Queste realtà sono attive da diversi anni con progetti concreti e attività culturali per prevenire e contrastare la violenza nei confronti di donne e bambini in Italia e in diverse aree del mondo.

“Ascoltare la vita” è il nome di uno dei progetti nati all’interno di questa rete, un ambulatorio di consulenza psicologica, nato a Landriano, luogo in cui è avvenuto il femminicidio di Tiziana, in cui 2 psicologi - psicoterapeuti affiancano medici di base e pediatri. Lo scopo è quello di garantire il diritto alla salute psico-fisica dei cittadini e accogliere in particolare i bisogni di tipo psicologico che possono concorrere nei femminicidi e nella violenza interpersonale in genere.
In pochi mesi oltre 50 persone si sono rivolte allo sportello, donne e uomini di diverse età, 3 giovani ragazze si sono allontanate dal compagno o marito in situazioni protette a seguito di violenze reiterate.

“Questi numeri così elevati in una piccola comunità di 7 mila abitanti ci fanno pensare che questi sportelli, ad accesso libero e vicini agli utenti, possano rappresentare una risposta efficace sia a livello di prevenzione che di accompagnamento all’uscita dalla violenza, e per questo dovrebbero essere aperti in tutta Italia. Sarebbe utile moltiplicare questa esperienza in più territori, visto l’effetto positivo che si è avuto” – dice la dott.ssa Federica Papetti, vicepresidente di Tiziana Vive e psicologa dell’ambulatorio per la salute.

Tante sono le attività di cui è possibile beneficiare attraverso la rete:
- uno sportello antiviolenza online http://www.sportelloantiviolenza.org/ in cui operatrici professioniste possono orientare le persone a riconoscere la violenza e capire a chi rivolgersi sul proprio territorio, per affrontare la situazione di abuso che vivono.
- accoglienza temporanea presso 2 Case famiglia e Comunità Mamma-Bambino inserite in una rete nazionale e internazionale di accoglienza e Centri Servizi alla famiglia.
- attività editoriali e di comunicazione sulle tematiche inerenti la violazione dei diritti umani e le diverse possibilità di partecipazione e solidarietà sociale.
-attivazione di supporto psicologico e legale.

Per chi volesse maggiori informazioni: www.tizianavive.org

Ufficio stampa
Francesca Papetti
e-mail: f.papetti@gmail.com
cell. 347.4410906

Tiziana Vive Onlus
presso Casa della Salute Rita Levi Montalcini
Piazza Marconi 19, 27015 Landriano (PV)
cell. 340.8133077
e-mail: info@tizianavive.org - www.tizianavive.org

Rete delle Associazioni
Via Molino delle Armi 19, 20123 Milano
cell. 340.8133077
www.tizianavive.org

________________________________________________________________________

Tiziana Vive Onlus

Chi siamo

Vision
La salute è uno stato di benessere psico-fisico. L’obiettivo principale è quello di portare alla luce, dar voce e rispondere a una richiesta di aiuto psicologico che spesso rimane silente. Per questo proponiamo l’apertura di spazi di ascolto, per imparare a leggere le caratteristiche individuali, le dinamiche familiari e i fattori contestuali alla base di tante problematiche che rischiano di tradursi un fenomeni poi impossibili da recuperare.

Mission
Promuovere e sostenere le relazioni famigliari ed extra familiari finalizzate alla piena realizzazione degli individui. Sostenere psicologicamente e legalmente le vittime di violenza, i loro figli e le famiglie attraverso la promozione dell’adozione di un approccio basato sulla giustizia riparativa che affianchi il sistema formale di giustizia, in un’ottica di prevenzione della violenza e costruzione della pace.

________________________________________________________________________

La Rete

Damiano Rizzi (Presidente di Soleterre e fratello di Tiziana)
“Le istituzioni devono garantire la qualità della vita nei territori governati. I luoghi dove si trovano gli studi del medico di base, i pediatri e le farmacie devono diventare dei veri e propri centri di salute territoriale con la presenza dello psicologo almeno due volte alla settimana (a cadenza regolare)”
Soleterre supporta Tiziana Vive nel progetto “Ascoltare la vita”, ambulatorio di consulenza psicologica. Soleterre dal 2002 garantisce a livello nazionale e internazionale, nelle “terre sole”, i diritti inviolabili di ogni individuo (alla salute e alla partecipazione sociale). Seguendo 30.000 giovani, curando 15.000 bambini e 1.000 donne. www.soleterre.org

Luca Lo Presti (Presidente di Pangea)
“Pangea ha aiutato sin ora 45.820 donne con le relative famiglie. Donne che hanno subito violenza domestica in Italia, India, Afganistan ed Africa. Per noi è stato naturale unire le forze con altre realtà e creare Tiziana Vive per fare in modo che tante donne che subiscono violenza si sentano ancora meno perse e sole”.
Pangea supporta la rete “Tiziana Vive” attraverso lo sportello antiviolenza online (www.sportelloantiviolenza.org) e sostenendo il supporto legale del processo di Tiziana. Dal 2002 realizza progetti di empowerment e promozione e tutela dei diritti umani e delle donne e bambini nonché di prevenzione e contrasto alla violenza di genere in ogni sua forma, in Italia ed in diverse parti del mondo. www.pangeaonlus.org

Marco Griffini (Presidente Amici dei Bambini)
“Molto spesso le donne che vengono uccise nei femminicidi sono anche mamme che lasciano bambini il cui futuro rischia di essere segnato da percorsi di comunità o affidi di cui non si conoscono confini e dimensioni. Noi vogliamo occuparci di loro.”
Amici dei Bambini supporta Tiziana Vive attraverso 2 Case famiglia e Comunità Mamma-Bambino inserite in una rete nazionale e internazionale di accoglienza e di Centri Servizi alla famiglia. Dal 1983 tenta di dare ad ogni bambino abbandonato una famiglia, per garantire il suo diritto di essere figlio. www.aibi.it

Pietro Raitano (direttore Altreconomia)
“Il nostro supporto a Tiziana Vive si sostanzia attraverso attività editoriali e di comunicazione sulle tematiche inerenti la violazione dei diritti umani e le diverse possibilità di partecipazione e solidarietà sociale”.
Altreconomia dal 1999 promuove stili di vita e iniziative produttive, commerciali e finanziarie ispirate ai principi di sobrietà, equità, sostenibilità, partecipazione e solidarietà. In questo, particolare attenzione è dedicata ai temi del commercio equo e solidale, dell’ambiente, della finanza etica e della cooperazione internazionale. www.altreconomia.it

Donatella Lanati (Presidente l’Isola che non c’è)
“L’Isola che non c’è supporta Tiziana Vive attraverso una rete di consulenti psicologi e legali e 1 centro informativo, di ascolto e progettazione. Da 6 anni accogliamo il disagio di donne e bambini con risposte concrete grazie a una rete d criminologi, psicologi e legali attivi nel supporto individuale e famigliare”.
L’Isola che non c’è dal 2001 progetta interventi sociali a sostegno della conciliazione dei tempi, delle donne e delle famiglie e a supporto delle donne in difficoltà. www.lisolachenonce-peschieraborromeo.it