Progetti

Diritto a un futuro senza violenza in famiglia

Dove lavoriamo > Italia > Progetto B-SIDE

L'esposizione frequente dei minori a diverse forme di violenza in famiglia può seriamente comprometterne il benessere, lo sviluppo personale e l'interazione sociale, nell'infanzia e nell'età adulta. Il messaggio distorto che viene appreso è che l’abuso è normale, è accettabile e ciò crea un effetto domino senza fine della violenza e una volta diventati adulti, c’è un maggior rischio di perpetuare la violenza, agendola o subendola.

Fondazione Pangea impegnata dal 2008 su questo tema ha implementato, dal 2013, un Progetto Cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il Programma DAPHNE B-SIDE: a Barrier to Stop the In-door Domino Effect, assieme ad altre partner in Italia (Centro Donna lilith di Latina), Spagna, Ungheria e Romania, relativamente al recupero del trauma della violenza in famiglia per i minori e le loro madri, con particolare attenzione alla ricostruzione della loro relazione affettiva.

A chiusura del progetto si vuole presentare assieme alle altre partner il metodo con cui si è lavorato in questi anni, gli strumenti, le analisi, le conclusioni e raccomandazioni che ne sono scaturite. Inoltre, sarà una occasione per distribuire la pubblicazione delle linee guida di questa esperienza. Il tema sarà discusso anche con persone esperte del tema e con le Istituzioni.

Il seminario è aperto al pubblico e si rivolge in particolare a tutti e a tutte coloro che nei diversi settori, sociale e privato sociale, la scuola, la sanità, la giustizia, le forze dell’ordine e le istituzioni, si occupano di violenza domestica e violenza sui minori.

Ricordiamo che nel 2006, le Nazioni Unite, calcolavano che tra i 133 ei 275 milioni di bambini e bambine nel mondo ogni anno erano testimoni di violenza in famiglia.

L’Agenzia Europea per i Diritti Umani (European Union Agency for Fundamental Rights) nel 2014 ha stimato che la violenza tra le mura domestiche, sul lavoro, in ambienti pubblici e online, colpisce almeno 62 milioni di cittadine europee tra i 17 e i 74 anni ovvero una donna su tre in Europa.

Per conferma inviare una email a projects@pangeaonlus.org