Pangea

Una campagna che celebra l'aspetto delle donne reali, senza pregiudizi

Punto di vista > Mondo

febbraio 2015

Siamo abituati a vedere video che mostrano donne “perfette”, truccate, pettinate, rispondenti a canoni di bellezza preconfezionati. Non importa il prodotto che pubblicizzano, dai profumi alle merendine: è una formula standardizzata.

Nel video qui sopra, invece, non troverete nulla di tutto questo. Un minuto e mezzo di donne che sudano nelle più svariate attività sportive: giovani o vecchie, basse o alte, magre o grasse. Donne belle e reali, come quelle che incontriamo ogni giorno.

Si tratta della campagna This Girl Can, realizzata da Sport England e da una serie di organizzazioni partner, per incoraggiare le donne britanniche a dedicarsi ad attività sportive. L’idea nasce dal fatto che, a seguito di una ricerca, è emerso che la causa principale che tiene le donne inglesi lontane dallo sport è la paura di essere giudicate per il proprio aspetto fisico: il fatto di essere sudate, in disordine, col viso arrossato, con addosso abiti sintetici poco “femminili”, etc...

Per questo motivo è stata decisa la realizzazione di questo video, che mostra donne vere mentre fanno sport divertendosi, senza insicurezze, timori o pregiudizi.

Il nome della campagna, in italiano, suonerebbe come: “Questa ragazza può”, e comprende anche un sito web e un canale youtube per celebrare la gioia spontanea di divertirsi, essere sane e attive.

Non sorprende, dunque, che la campagna abbia ricevuto una risposta entusiasta da parte del pubblico (con 6 milioni di visualizzazioni).

Fortunatamente, è sempre più comune trovare campagne dove, al posto di irreali top model, compaiono donne vicine alla realtà. Un passo in avanti contro gli stereotipi di genere, tema molto caro a Pangea e sempre presente nelle nostre attività di advocacy in Italia e nel mondo.

Paolo Riva
Responsabile contenuti web e socialnetwork di Fondazione Pangea Onlus