Pangea
fb tw ig yt
iscriviti

Progetti

Tutte invitate al caffè afghano di Gul Kazimi

Dossier > Cultura e tradizioni afghane

“L’Afghanistan è molto di più di ciò che possiamo vedere con gli occhi”. Queste le parole della ventitreenne Gul Kazimi, che, con coraggio e determinazione, ha infranto uno dei tanti stereotipi che fanno di questo paese un simbolo di oppressione maschile nei confronti delle donne: aprire una caffetteria a Bamyan per sole donne.
Bamyan è un’importante centro culturale del paese, ma non è esattamente come Kabul, ovvero una città avvezza ai costumi occidentali per gli stranieri che arrivano nella capitale afghana da anni.
Gul inizia a riflettere sulla condizione femminile nel periodo in cui ha studiato in India, dove ha conseguito una Laurea a poche centinaia di chilometri da Delhi.
Negli anni trascorsi a Kurukshetra, ha avuto modo di confrontarsi con una realtà molto diversa da quella della sua terra di origine, respirando la libertà delle donne indiane e la loro possibilità di poter raggiungere traguardi lavorativi rilevanti.
Rientrata in Afghanistan, Gul prende la decisione di voler contribuire a migliorare la vita delle donne, con l’assoluta consapevolezza che il suo paese non può crescere né migliorare se si continua a privare l’universo femminile della possibilità di poter esprimere idee e iniziative personali e lavorative.

Racconta Gul: “I tempi sono cambiati. Fino a 15 anni fa le donne di Bamyan non uscivano mai. Oggi, grazie all’aumento dei livelli di istruzione anche per le ragazze la situazione è profondamente cambiata”.

Questa giovane ragazza, piena di speranze e di sogni, intuisce che aprire un caffè può regalare alle donne afghane uno spazio oltre che fisico anche, e, soprattutto, mentale dove esprimere se stesse senza paura di essere giudicate da un uomo e con la possibilità di condividere idee, di confrontarsi con altre donne e di scambiare opinioni sulle loro esperienze di vita e sul mondo.
Non dimentichiamo che la sfida di Gul è stata tutt’altro che semplice, poiché la zona di Bamyan, tristemente famosa per la distruzione delle due statue di Buddha nel 2003, è sempre sotto le attenzioni e le mire talebane, ma, allo stesso tempo, questa meravigliosa area è da anni governata dall’unica donna che in questo Paese ricopra una simile carica: Habiba Sorabi.
Il Caffè, nonostante i pericoli e le mille difficoltà, non solo è stato aperto, ma ha riscosso un grande successo diventando un luogo di incontro abituale di molte donne della zona che hanno deciso di intraprendere piccole attività imprenditoriali potendo vendere, al suo interno, oggetti e manufatti e consentendo loro di guadagnare del denaro per il sostentamento delle loro famiglie.
Ma il successo più rilevante del Caffè è quello di avere sottratto all’isolamento tante donne che vivono ancora oggi una situazione di forte disagio sociale, mentre ora esiste un luogo dove possono condividere gioie e dolori consapevoli che esiste un mondo, oltre le mura delle loro case, in grado di ascoltarle e di aiutarle.

Fondazione Pangea, che conosce a fondo la realtà sociale e politica dell’Afghanistan e quella, soprattutto della realtà femminile, condivide totalmente il pensiero e la scelta coraggiosa di Gul e cioè che l’Afghanistan abbia bisogno, per raggiungere un futuro di pace, del supporto delle donne.
Per questo motivo Pangea sostiene le donne afghane attraverso i suoi programmi di imprenditoria femminile e attraverso percorsi di uscita dalla violenza domestica.

“Le donne nel mio paese hanno voglia di migliorare se stesse, dimostrando il loro talento e le loro abilità” come spesso ricorda Gul a se stessa e a chi le chiede le motivazioni di questa sfida.
Questa giovane imprenditrice, visto il successo riscosso, ha grandi speranze non nascondendo che vorrebbe trasformare questo Caffè in un “brand” da esportare in altre città afghane.

“L’Afghanistan è un mondo tutto da scoprire, che, purtroppo, non desta ancora l’attenzione della comunità internazionale”

Ma Gul Kamzi ha promesso di mostrate al mondo che il suo amato paese non è solo guerra e disperazione. E le donne, tutte le donne afghane sono pronte a dimostrarlo.

Barbara Gallo
Collaboratrice su tematiche afghane di Fondazione Pangea Onlus