Pangea

Diritti umani: l’Italia sotto esame dell’Onu. E Pangea c’è

Comunicato stampa > UPR sui diritti umani in Italia

Diritti Umani. L’Onu mette sotto esame l’Italia sul tema dei diritti umani. Il 4 novembre 2019 il gruppo di lavoro della Revisione Periodica Universale (UPR) del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha messo in esame la situazione italiana, con l’obiettivo di capire a che punto siamo sull’applicazione dei Diritti Umani, per spingere gli Stati ad adempiere agli obblighi, attuare politiche adeguate e creare informazione nell’opinione pubblica.

In vista dell’appuntamento molte organizzazioni, tra cui Fondazione Pangea, hanno preparato un rapporto dettagliato sui diversi aspetti che riguardano la condizione dei diritti delle donne in Italia.

“Abbiamo raggiunto 66 adesioni al rapporto Upr! un risultato davvero importante che mostra tutta l’urgenza dei temi affrontati nelle raccomandazioni. Oggi la discussione all’ONU sarà un momento chiave per ribadire tutte le nostre richieste. Richieste che vanno oltre la revisione periodica – afferma Simona Lanzoni, vice presidente di Pangea – perché sono problemi di lungo periodo presenti nel nostro Paese e vogliamo che si risolvano su diversi fronti Su diversi fronti come violenza , lavoro, salute, ambiente, pace e sicurezza. Per un cambio culturale che non faccia più tornare indietro i diritti delle donne”.

Versione in inglese
Scarica [QUI il pdf] delle "Recommendations for the UPR of Italy Women's Rights"

Versione in italiano
Scarica [QUI il pdf] della "Revisione universale periodica dell'Italia sui diritti Umani"